header

Gli elettori fisicamente impediti possono esercitare il diritto elettorale con l’aiuto di un accompagnatore di fiducia scelto volontariamente, purchè iscritto nelle liste elettorali di un qualsiasi Comune della Repubblica.

Sono elettori fisicamente impediti i ciechi, gli amputati delle mani, gli affetti da paralisi o da altro impedimento fisico di analoga gravità.

Il D.L. n. 1/2006, convertito con modificazioni dalla legge n. 22/2006 art. 1 – consente ai cittadini, affetti da un’infermità fisica che comporta la dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali e/o da gravissima infermità con prognosi di almeno 60 gg. o superiore, tale da impedire di recarsi al seggio elettorale anche con l’ausilio dei servizi previsti dall’art. 29 Legge n. 104/1992, di votare presso il proprio domicilio.

Si precisa che sono da considerare intrasportabili i cittadini affetti da infermità talmente grave da rendere obbligatoria l’utilizzazione di lettiga per l’allontanamento dal domicilio.

L’impedimento fisico, la condizione di disabilità e/o di infermità che da diritto a votare a domicilio, devono essere certificati da medici designati dall’ASST, i quali non possono essere né candidati né parenti, fino al 4° grado, dei candidati.

Si ricorda che i certificati medici sono rilasciati in forma gratuita ed in esenzione da qualsiasi diritto ed applicazione di marche.

In allegato – per ogni ambito territoriale – le sedi ambulatoriali, con orari e modalità di accesso, presso i quali nel periodo antecedente al data di votazione, potranno essere richieste le certificazioni di cui sopra.

CERTIFICAZIONI_MEDICHE_PER_REFERENDUM_20-21_SETTEMBRE_2020.pdf

Linea amicaTrasporti eccezionali
pagoPA
torna all'inizio del contenuto